Scontrini elettronici 2019: da quando e per chi scatta l’obbligo

25 giugno 2019

Per i commercianti al minuto e per i soggetti assimilati con volume d’affari superiore a 400.000 euro, scatta l’obbligo di memorizzare elettronicamente e trasmettere i dati dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi. Viene in tal modo eliminata l’emissione dello scontrino cartaceo. Da quando decorre l’obbligo? Quali sono, invece, le operazioni esonerate? Come usufruire del bonus per i registratori di cassa? Tutte le risposte nel Dossier di IPSOA Quotidiano.

Cambia il sistema di registrazione dei dati dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi. Sparisce il cartaceo e, con il nuovo metodo, gli scontrini elettronici vengono inviati in tempo reale ai server dell’Agenzia delle Entrate. Per questo i commercianti dovranno adeguarsi aggiornando la loro dotazione elettronica. A tal fine sono state previste delle agevolazioni, sotto forma di credito di imposta per l’adeguamento o acquisto di registratori di cassa di nuova generazione.

Da quando decorre l’obbligo?

È stata prevista una entrata in vigore graduale:
- dal 1° luglio 2019 l’obbligo riguarda solo i soggetti con volume d’affari superiore a 400.000 euro;
- dal 1° gennaio 2020 l’obbligo viene esteso a tutti gli altri soggetti.

Chi è obbligato?

L’obbligo vale per tutti i commercianti al minuto e soggetti a questi equiparati.
Ai fini del calcolo del volume d’affari è necessario tener conto di quello complessivo del soggetto passivo d’imposta e non di quello relativo a una o più tra le varie attività svolte dallo stesso. Per l’avvio dell’obbligo da luglio 2019, si deve far riferimento al volume d’affari del 2018.

Chi non è obbligato?

Alcune operazioni potranno ancora essere gestite con l’emissione del documento cartaceo. Gli esoneri sono temporanei, a regime tutte le operazioni dovranno essere documentate con lo scontrino elettronico.

Sanzioni

La mancata o irregolare emissione dello scontrino elettronico comporta l’applicazione di sanzioni. Per venire incontro alle difficoltà degli operatori di munirsi per tempo degli strumenti adeguati, il decreto Crescita ha previsto una sospensione delle sanzioni per un periodo di 6 mesi a decorrere dall’entrata in vigore dell’obbligo.

Archivio news

 

News dello studio

lug27

27/07/2020

Attività spettacolistiche: titoli di accesso in caso di cambio di sede della manifestazione

Attività spettacolistiche: titoli di accesso in caso di cambio di sede della manifestazione

In tema di attività spettacolistiche, nel caso di vendita di biglietti non nominativi, per manifestazioni successivamente spostate in impianti con capienza superiore a 5.000 spettatori, il contribuente

lug20

20/07/2020

Commercialisti, protesta inevitabile in assenza di proroga dei versamenti

Commercialisti, protesta inevitabile in assenza di proroga dei versamenti

È paradossale che non si sia trovato il modo di prorogare i versamenti del 20 luglio 2020, in un periodo di eccezionale emergenza come quello attuale. È quanto affermano il CNDCEC e tutte

lug14

14/07/2020

Riforma delle pensioni: ritorno al contratto di espansione, ma con qualche novità

Riforma delle pensioni: ritorno al contratto di espansione, ma con qualche novità

Il post Covid-19 riapre il cantiere della riforma delle pensioni. Quota 100 dovrebbe terminare il periodo fisiologico di vigenza a fine 2021. Il nuovo kick off dovrebbe essere rappresentato in primo

News

apr3

03/04/2020

Assirevi, Documento di Ricerca n. 233

Le attestazioni della Direzione.

set10

10/09/2020

Smart working: quale futuro dopo l'emergenza per imprese e lavoratori?

La fase emergenziale che perdurerà – almeno