IMU: i Comuni possono differire il versamento solo per le entrate di propria spettanza

09 giugno 2020

Con proprio regolamento i Comuni possono stabilire il differimento del termine di versamento dell’IMU per situazioni particolari, fra le quali è sicuramente riconducibile l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in atto. Questa facoltà può essere legittimamente esercitata dal Comune con esclusivo riferimento alle entrate di propria spettanza e non anche a quelle di competenza statale: la quota IMU riservata allo Stato è sottratta alla disponibilità dei Comuni. Lo ha chiarito il Ministero dell’Economia e delle finanze con la risoluzione n. 5/DF dell’8 giugno 2020.

Con la risoluzione n. 5/DF del 2020, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha fornito indicazioni sul differimento dei termini di versamento dei tributi locali, in considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19.
 
Nel documento di prassi il MEF evidenzia come la riscossione non rientri fra le materie sottratte all’autonomia dei comuni dall’art. 52, D.Lgs. n. 446/1997, per cui è l’ente locale che, nel proprio regolamento, può disciplinare le modalità di riscossione, ivi comprese quelle relative al differimento dei termini di versamento.
 
Ne consegue che gli enti locali possono, nell’ambito della propria autonomia regolamentare, stabilire il differimento dei termini di versamento entro i limiti stabiliti dal Legislatore.
 
Per quanto concerne poi le modalità con cui tale facoltà può essere esercitata, il potere di differimento dei termini di versamento rientra nelle competenze del Consiglio Comunale. Con riferimento alla possibilità di procedere al ricorso alla delibera di Giunta: si tratta di una strada percorribile, sicuramente giustificata dalla situazione emergenziale in atto, con la precisazione però che tale provvedimento dovrà essere successivamente oggetto di espressa ratifica da parte del Consiglio Comunale.
 
Tale impostazione è ammessa pacificamente dalla giurisprudenza. Il Consiglio di Stato, infatti, ha già considerato valida la delibera di giunta che approva le aliquote sui tributi purché ratificata, anche tardivamente, dal Consiglio Comunale.
 
È preclusa invece la possibilità di delegare alla Giunta Comunale, con deliberazione regolamentare del Consiglio Comunale, il potere di differire i termini del versamento, come espressamente ritenuto anche dalla giurisprudenza.

L'acconto IMU 2020

Con riferimento alla possibilità di differimento del termine di versamento dell’imposta municipale propria (IMU), la legge di Bilancio 2020 stabilisce che - in deroga all'art. 52, D.Lgs. n. 446/1997 - i soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in un'unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.
 
Ferme restando le facoltà di regolamentazione del tributo, i comuni possono con proprio regolamento stabilire differimenti di termini per i versamenti, per situazioni particolari, fra le quali è sicuramente riconducibile l’emergenza epidemiologica Covid-19.
 
Tale facoltà può essere legittimamente esercitata dal Comune con esclusivo riferimento alle entrate di propria spettanza e non anche a quelle di competenza statale, le quali, per loro natura, sono interamente sottratte all’ambito di intervento della potestà regolamentare dell’ente locale in materia tributaria.
 
Tale principio porta ad escludere che possano essere deliberati dai Comuni interventi, anche di semplice differimento dei versamenti, aventi ad oggetto la quota IMU di competenza statale, relativa agli immobili a destinazione produttiva.
 
Di conseguenza la quota IMU riservata allo Stato è sottratta alla disponibilità dei Comuni.
 
Del resto, proprio per tali ragioni sono stati previsti due distinti codici tributo per i versamenti relativi alla quota Stato e alla quota Comune, in modo tale da imputare anche operativamente le somme direttamente ai due distinti soggetti.
 
Con riferimento alla possibilità di lasciare la scadenza IMU al 16 giugno 2020, dando al contempo la possibilità a coloro che versano fino al 30 settembre 2020 di regolarizzare l'acconto IMU senza pagare sanzioni ed interessi, si precisa che ciò equivale a raggiungere indirettamente lo stesso risultato del differimento di termini, per cui valgono tutte le stesse considerazioni.
 
Infine, limitatamente alla quota Comune, nonché alla quota Stato in sede di accertamento, non sembra prospettabile la possibilità da parte del Comune di rinunciare integralmente alle sanzioni, poiché sono coperte dalla riserva di legge. Gli enti locali possono comunque introdurre agevolazioni, come ipotesi di ravvedimento ulteriori rispetto a quelle previste dalla legge, con previsione di riduzione delle sanzioni.

Archivio news

 

News dello studio

lug27

27/07/2020

Attività spettacolistiche: titoli di accesso in caso di cambio di sede della manifestazione

Attività spettacolistiche: titoli di accesso in caso di cambio di sede della manifestazione

In tema di attività spettacolistiche, nel caso di vendita di biglietti non nominativi, per manifestazioni successivamente spostate in impianti con capienza superiore a 5.000 spettatori, il contribuente

lug20

20/07/2020

Commercialisti, protesta inevitabile in assenza di proroga dei versamenti

Commercialisti, protesta inevitabile in assenza di proroga dei versamenti

È paradossale che non si sia trovato il modo di prorogare i versamenti del 20 luglio 2020, in un periodo di eccezionale emergenza come quello attuale. È quanto affermano il CNDCEC e tutte

lug14

14/07/2020

Riforma delle pensioni: ritorno al contratto di espansione, ma con qualche novità

Riforma delle pensioni: ritorno al contratto di espansione, ma con qualche novità

Il post Covid-19 riapre il cantiere della riforma delle pensioni. Quota 100 dovrebbe terminare il periodo fisiologico di vigenza a fine 2021. Il nuovo kick off dovrebbe essere rappresentato in primo

News

mar24

24/03/2020

Assirevi, Documento di Ricerca n. 232

Relazione della società di revisione indipendente

lug25

25/07/2020

Licenziamento illegittimo: presto una nuova chiamata per la Consulta?

È incostituzionale la norma sulla disciplina