Appalto e subappalto: linee guida per certificare i contratti

16 aprile 2019

Nella circolare n. 6 del 2019, la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro fornisce ai propri Ordini provinciali le linee guida aggiornate per la certificazione dei contratti di appalto e subappalto. Il ruolo della Commissione di Certificazione, infatti, è molto delicato poichè fonda la propria valutazione sulle dichiarazioni delle parti e sulla documentazione da esse prodotta, non avendo poteri istruttori per verificare in concreto le modalita` del rapporto, ne´ disponendo comunque di un tempo ragionevolmente sufficiente ad eseguire le necessarie verifiche.

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro ha pubblicato la circolare n. 6 del 15 aprile 2019, con cui aggiorna le Linee Guida rivolte alle Commissioni di Certificazione istituite presso gli ordini provinciali, chiamate a certificare contratti di appalto, a tutela delle parti dal rischio di realizzare di una fattispecie di somministrazione illecita di manodopera.
 
L’esercizio della somministrazione senza le previste autorizzazioni e` punita con la sanzione amministrativa di 60 euro per ogni lavoratore occupato e per ciascuna giornata di occupazione, con un minimo di 6.000 euro, e un massimo di 60.000 euro.
 
Il Ministero del lavoro ha chiarito che la prestazione di fornitura di manodopera da parte di un soggetto che non organizza il lavoro e non assume il rischio d'impresa non riguarda l’appalto, ma la somministrazione, che diventa illecita se attuata da soggetti non autorizzati.

Elementi di genuinità

La Commissione di certificazione deve verificare che l’appaltatore esegua l’opera o il servizio con “organizzazione dei mezzi necessari” e con “gestione a proprio rischio”, a favore di altro soggetto, verso il corrispettivo in denaro, sia che si tratti di attivita` continuative che se le stesse assumono il carattere della periodicità.
 
A tal fine nella circolare sono elencati alcuni indici rivelatori di un appalto irregolare:
 
- mancanza in capo all’appaltatore della qualifica di imprenditore, o meglio di un’organizzazione (tecnica ed economica) di tipo imprenditoriale e del rischio d’impresa;
 
- mancanza dell’effettivo esercizio del potere direttivo da parte dell’appaltatore;
 
- impiego di capitali, macchine e attrezzature fornite dall’appaltante;
 
- natura delle prestazioni diversa da quelle dell’appalto, afferendo a mansioni tipiche dei dipendenti del committente;
 
- corrispettivo pattuito in base alle ore effettive di lavoro e non riguardo all’opera compiuta o al servizio eseguito, ovvero corresponsione della retribuzione direttamente da parte del committente.

Impiego di mezzi e capitali

Il solo utilizzo di strumenti di proprieta` del committente, ovvero dell’appaltatore da parte dei dipendenti del subappaltatore, non costituisce di per se´ elemento decisivo per la qualificazione della fattispecie in termini di appalto non genuino, attesa la necessita` di verificare tutte le circostanze concrete dell’appalto e segnatamente la natura e le caratteristiche dell’opera o del servizio dedotti nel contratto, di modo che, nel caso concreto, potra` ritenersi compatibile con un appalto genuino anche un’ipotesi in cui i mezzi materiali siano forniti dal soggetto che riceve il servizio, purche´ la responsabilita` del loro utilizzo rimanga totalmente in capo all’appaltatore e purche´ attraverso la fornitura di tali mezzi non sia invertito il rischio di impresa, che deve in ogni caso gravare sull’appaltatore stesso.

Tipologia di prestazioni svolte

Al fine di verificare la genuinita` di un appalto, occorre accertare:
 
- quale sia l’attivita` concretamente svolta dai dipendenti dell’appaltatore presso il committente;
 
- se tale attivita` sia svolta ed organizzata dal committente medesimo;
 
- se il committente sia proprietario delle attrezzature necessarie per l’effettuazione del servizio o dell’opera;
 
- se il committente nella dinamica contrattuale si limiti a richiedere all’appaltatore solo un certo numero di ore lavoro mensili, in base alle specifiche esigenze di ogni periodo, con indicazione dei turni orari, limitandosi l’appaltatrice ad abbinare le persone a tali ruoli;
 
- se il personale dell’appaltatore svolga le stesse identiche mansioni svolte dai dipendenti del
Le mansioni che vengono svolte dai dipendenti dell’appaltatore devono essere funzionaliesclusivamente alla realizzazione dell’opera o del servizio dedotti nel contratto di appalto.

Archivio news

 

News dello studio

set3

03/09/2019

Bonus Sud: cosa deve fare l’impresa se supera il massimale del “de minimis”?

Bonus Sud: cosa deve fare l’impresa se supera il massimale del “de minimis”?

L’azienda che vuole ottenere l’incentivo contributivo “Bonus Sud” per le assunzioni a tempo indeterminato (o con apprendistato professionalizzante) e trasformazione di contratto

lug29

29/07/2019

Nuova IMU, vecchi vizi

Nuova IMU, vecchi vizi

Della nuova IMU tutto si può dire, tranne che sia davvero “nuova”. Il progetto di legge riproduce vizi e storture antiche e ne crea di nuove, oltre a generare confusione: se si vuole

lug15

15/07/2019

Tirocinio formativo: dai Consulenti del Lavoro creati 60 mila nuovi posti

Tirocinio formativo: dai Consulenti del Lavoro creati 60 mila nuovi posti

Da un’indagine dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro emerge che grazie allo strumento del tirocinio formativo oltre il 60% dei progetti attivati dai delegati della Fondazione

News

set16

16/09/2019

Revisore Legale: in arrivo corsi gratuiti e facilmente fruibili

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento

set21

21/09/2019

Al Fisco servono più dati per l'analisi del rischio evasione? Forse no…

Più trasparenza nelle transazioni commerciali

set21

21/09/2019

Energia e petrolio: rinnovato il CCNL

Confindustria Energia con Filctem-Cgil,